Cinisello BalsamoToday

Telecamere accese, attivi gli 80 punti di video sorveglianza, Ghilardi: «Svolta sulla sicurezza»

Il nuovo sistema di video sorveglianza da lunedì 7 ottobre è attivo a Cinisello Balsamo. Ad annunciarlo è il sindaco Giacomo Ghilardi che chiama l'evento come «la svolta sulla sicurezza»

Il sindaco Giacomo Ghilardi e il vice sindaco Giuseppe Berlino osservano l'accensione del "cervellone"

Il nuovo sistema di video sorveglianza da lunedì 7 ottobre è attivo a Cinisello Balsamo. Ad annunciarlo è il sindaco Giacomo Ghilardi che chiama l'evento come «la svolta sulla sicurezza».

A raccontare nel dettaglio l'accensione delle telecamere e del "cervellone" operativo è lo stesso primo cittadino: «Questa mattina (7 ottobre, ndr), al comando di polizia locale, sono stati attivati ufficialmente circa 80 punti di video sorveglianza che copre alcune zone del territorio».

Ghilardi spiega: «E' un nuovo sistema a supporto di tutte le forze dell'ordine e dei cittadini di Cinisello Balsamo».

Poi scende nel dettaglio: «Oltre agli accessi è stato attivato il nuovo sistema per il riconoscimento delle targhe che terrà in memoria i veicoli che transitano sul territorio comunale».

E aggiunge: «Ogni auto che entrerà e uscirà sarà sorvegliata da un sistema di quattordici apparati di ripresa Ocr che, oltre alle immagini, forniranno la lettura automatica delle targhe degli autoveicoli in transito, abbinati a una telecamera ad alta definizione. E' iniziata la nuova era in tema sicurezza».

Per gestire il "cervellone" gli uomini della polizia locale, dei carabinieri e degli agenti di polizia di stato, che dalle varie sedi operative gestiscono i flussi dei dati, sono stati istruiti in un corso di formazione tenutosi presso il comando della polizia locale di via Gozzano

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento