Cinisello BalsamoToday

Approvato il bilancio di Cinisello, tutti i numeri e le novità in arrivo

Approvato il "Bilancio Previsionale 2015 e Pluriennale 2015-2017" nel Comune di Cinisello Balsamo. Tutti i dettagli nei numeri e negli obiettivi fissati dalla giunta

Tante le novità e i numeri di questo bilancio

Approvato il "Bilancio Previsionale 2015 e Pluriennale 2015-2017" nel Comune di Cinisello Balsamo.

Il Consiglio comunale, nella seduta di lunedì 20 luglio, ha licenziato il documento finanziario dell’ente che prevede 33,5 milioni di euro da entrate tributarie (di nuovo c’è la Tasi); 10,9 milioni di Fondo Solidarietà Comunale; 2,5 milioni di euro da trasferimenti da Stato e Regione; 20,2 milioni di euro da servizi e 9,2 milioni di euro di entrate in conto capitale.

71,7 milioni di euro è la voce relativa alle spese correnti e 22,9 milioni di euro quella relativa alle spese in conto capitale.

Così il vice sindaco e assessore alle finanze Luca Ghezzi: “Un bilancio che ha dovuto fare i conti con una serie di vincoli, tra cui il rispetto del patto di stabilità, il fondo di Solidarietà Comunale e trasferimenti dallo Stato e Regione sempre più limitati, ma che comunque permetterà di garantire il mantenimento e la qualità dei servizi, contenendo l’utilizzo della leva fiscale”.

Prosegue Ghezzi: "Per ridurre i costi di gestione e potenziare le entrate si punterà a una nuova riorganizzazione dell’ente e a una riduzione della spesa corrente rispetto al bilancio previsionale 2014. Tra gli obiettivi anche l’inasprimento della lotta all’elusione e all’evasione e la riorganizzazione del servizio tributi”.

Per quanto riguarda i tributi, l’Imu rimarrà invariata nelle aliquote rispetto al 2014 con un gettito che sarà pari a 7,6 milioni di euro; la Tari vedrà una lieve diminuzione a vantaggio della cittadinanza: 11,460.000 euro contro 11.556.000 euro del 2014 grazie alla riorganizzazione del servizio da parte della Nord Milano Ambiente.

Quanto alla Tasi, introdotta per il primo anno a Cinisello Balsamo con un’aliquota del 2,5 per mille senza detrazioni, porterà un gettito di 3,9 milioni di euro.

A ciò si aggiunge l’imposta di soggiorno, i cui proventi, stimati intorno ai 130.000 euro, saranno destinati a interventi di manutenzione e recupero dei beni paesaggistici e ambientali come Villa Ghirlanda.

Tutta la politica fiscale, a partire dall’anno prossimo, dovrebbe essere rivista come annunciato sabato 18 luglio dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Tra le spese per i servizi, la parte più consistente è riferita alle Politiche Sociali ed Educative rispettivamente di 7,6 milioni di euro e di 5,1 milioni di euro (12,7 milioni di euro complessivi), la seconda voce in ordine di grandezza è l’Ambiente e l’Igiene Urbana con 11 milioni di euro. Seguono i Lavori pubblici e Patrimonio con 4,9 milioni di euro e i Servizi al territorio 3,3 milioni di euro. Per i servizi di Polizia Locale la spesa prevista è 2,8 milioni di euro, mentre le uscite per la Cultura saranno di 1 milione di euro.

Riconfermato per il triennio un fondo per chi ha perso il lavoro (800.000 euro) e tra le novità a sostegno della povertà l’apertura di un social market.

Si consoliderà il lavoro sulle Politiche abitative, realizzando nuove e diversificate forme di abitare: residenze temporanee, forme di affitto diffuso, differenziato e a tempo, anche mediante incentivazioni.

La nuova azienda sovracomunale “Insieme per il sociale” si occuperà della progettazione e gestione dei servizi in maniera associata, tra questi il trasporto disabili, l’ufficio di pubblica giurisdizione, il servizio affidi, i servizi per gli stranieri e la penale minorile.

Saranno riconfermati gli strumenti della Leva civica, Dote Comune, Servizio civile e Garanzia Giovani per offrire un’opportunità formativa e professionale ai giovani.

Nelle Politiche culturali sarà ampliata l’opportunità di formazione musicale tramite la Civica Scuola di Musica e si intensificheranno le iniziative per la raccolta di fondi da destinare al restauro di Villa Ghirlanda Silva attraverso lo strumento dell’Art Bonus.

La somma stanziata per le manutenzioni di strade, parcheggi e arredo urbano è di 1,8 milioni di euro e di 1,4 milioni di euro per la riqualificazione degli edifici scolastici. 150.000 euro saranno destinati per interventi migliorativi su piazza Gramsci.

Sul fronte della mobilità verrà attivato un servizio di car sharing e avviato il Piano Urbano di Mobilità Sostenibile (PUMS) con la realizzazione di una nuova pista ciclabile (500.000 euro).

Chiude il bilancio il sindaco Siria Trezzi: "Anche quest’anno il percorso è stato lungo e faticoso, ma il dibattito e il confronto hanno portato interessanti contributi, anche se non sono mancate le strumentalizzazioni. Tra gli ordini del giorno approvati la verifica della fattibilità tecnica ed economica della realizzazione del terzo forno crematorio e quello relativo al Bilancio partecipato il cui iter sarà avviato già nel 2016".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • Milano, auto piomba alla fermata del bus in via Novara: due investiti, gravissima una donna

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento