Cinisello BalsamoToday

Il centrosinistra: «I fondi destinati all'infanzia spostati su altro, ai bimbi danno solo briciole»

PD, Cinisello Balsamo Civica e La Città Giusta attaccano: «Il finanziamento ricevuto dalla Regione è stato utilizzato per coprire le spese di gestione dei servizi del Comune. La giunta non ha nessuna progettazione e nessun investimento in educazione e formazione»

E' polemica sui fondi regionali destinati ai servizi dedicati all'infanzia

Il centrosinistra unito (Partito Democratico, Cinisello Balsamo Civica e La Città Giusta) attaccano l'amministrazione comunale di centrodestra di Cinisello Balsamo riguardo ai fondi di bandi precedentemente vinti e destinati all'infanzia e al percorso 0/6 anni.

Le tre forze politiche, in un comunicato congiunto, spiegano le loro ragioni che riportiamo qui di seguito nella loro versione integrale:

«Bisogna risalire al 2017 ossia a quando il ministero ha comunicato finanziamenti ingenti specificatamente dedicato ai servizi 0/6 anni, che sarebbero poi state erogate ai Comuni tramite le Regioni. Il Comune di Cinisello Balsamo, partecipando al conseguente bando regionale si aggiudica circa 300.000 euro per realizzare il Sistema integrato 0/6, così come previsto dai decreti attuativi della legge “la Buona Scuola”».

«Si articola un progetto di ampio respiro, per lavorare con un metodo partecipato tra amministrazione e scuole del territorio, per creare una proposta pedagogicamente fondata che rispettasse lo spirito di una legge che per una volta mette al centro il bambino piccolo e i suoi autentici bisogni».

«Si parte pertanto dalla formazione congiunta di chi si occupa di bambini 0-3 e chi di bambini 3-6. Viene stipulata una convenzione con l'università Bicocca, si programmano progetti di innovazione pedagogica: si lavora con i materiali destrutturati e con “Scarti”, il servizio presente sul territorio che viene ingaggiato per proporre alle scuole dell'infanzia, laboratori e la possibilità di reperire materiali didattici».

«Si lavora con l'istituto Meroni di Lissone per la realizzazione di un percorso di pedagogia intergenerazionale che vede coinvolti bambini e adolescenti, si acquistano per i giardini di nidi e scuole arredi per implementare l'utilizzo degli spazi esterni secondo gli attuali orientamenti dell'outdoor education, si conducono raccordi sperimentali tra nidi e scuole dell'infanzia, si sperimenta un lavoro di coordinamento pedagogico sulle scuola dell'Infanzia».

«Insomma, per tutto il 2018, il tavolo 0/6 è un'officina partecipata e condivisa di idee e progetti che incominciano a realizzarsi. Cinisello Balsamo è tra i pochi comuni ad aver messo in piedi un impianto così articolato. I tecnici del Comune vengono contattati dal Gruppo Nazionale Nidi per raccontare il metodo e le progettualità del tavolo 0/6. Il finanziamento è triennale, quindi si lavora ipotizzando un'articolazione in tre fasi. Quanto previsto per il primo anno viene realizzato».

«Ma le elezioni sanciscono il cambio di giunta e per un intero anno, il successivo, il tavolo 0/6 non viene convocato. E con il primo bilancio della nuova amministrazione avviene che il finanziamento ricevuto dalla Regione, che per legge deve essere dedicato a proposte aggiuntive, è utilizzato per coprire le spese di gestione dei servizi del Comune. La seconda annualità delle diverse progettazioni, non può essere realizzata. I fondi sono stati destinati ad altro».

«Dei 295.976 euro ricevuti, ben 193.810 euro (contro i poco più di venti della annualità precedente), sono destinati a spese di gestione. Di fatto, al netto di quanto dovuto alle scuole paritarie e di quanto necessario per il pagamento dei voucher dei nidi accreditati, il finanziamento effettivo per i progetti del tavolo è di 43.000 euro. Poche briciole, decisamente insufficienti».

Il capogruppo del PD Andrea Catania puntualizza: «Il nostro disappunto è davvero grande, non c'è nessuna progettazione e nessun investimento in educazione e formazione. Manca una visione si sviluppo dei servizi».

Gli fa eco il consigliere PD Marco Tarantola che ha anche presentato una interrogazione a riguardo: «Come è possibile che fondi derivanti da un finanziamento regionale siano destinati ad altro? Queste cose non si possono fare! La trasparenza dei fondi e dei bilanci è fondamentale!».

 Grande è la preoccupazione del Partito Democratico, Cinisello Balsamo Civica e La Città Giusta per la scarsa attenzione di questa amministrazione per educazione e cultura.

Nadia Rosa e Massimo Bricchi de La Città Giusta aggiungono: «L'affossamento del progetto 0/6 è l'ennesima dimostrazione dell'incapacità amministrativa e di visione politica di questa giunta che sta producendo danni gravissimi al tessuto culturale e sociale della nostra città».

«Tutto il lavoro di progettazione del Tavolo viene annullato; i progetti erano stati pensati su una articolazione triennale. Ma ora tutto si ferma, nessuna motivazione viene fornita. Questa amministrazione in stato di arresto, ferma progetti e servizi».

Termina la consigliera comunale della lista civica Cinisello Balsamo Civica Gianfranca Duca: «Chiederemo in consiglio comunale, con la variazione di bilancio, che questi fondi vengano ripristinati ed utilizzati come investimenti sui nidi comunali».

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Prova costume e pancia piatta: l’insormontabile sfida di ogni estate

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Milano, donna accoltellata in pieno centro: fendenti alla gola con una bottiglia, è grave

  • Appena arrivato a Malpensa inizia a tremare: muore 28enne 'mulo' del narcotraffico

  • È morta Nadia Toffa, addio alla conduttrice de "Le Iene" che lottava contro il cancro

  • Morto il fumettista milanese AkaB, Gabriele Di Benedetto: aveva solo 43 anni

  • Milano, dramma davanti al Tribunale: donna precipita e muore mentre pulisce i vetri. Foto

  • Milano, dramma a Rogoredo: ragazza di 28 anni muore travolta da un treno in stazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento