Cinisello BalsamoToday

Contributo a sostegno delle scuole paritarie, firmata la convenzione, giovedì la ratifica

Subito un contributo a sostegno delle scuole paritarie cittadine. L'amministrazione comunale firma la convenzione. Il sindaco Ghilardi: «È un accordo ponte, con l'impegno di ritornare al tavolo a settembre per definire un ulteriore contributo da stanziare per il prossimo triennio»

Il momento della firma della convenzione apposta dal sindaco Giacomo Ghilardi

Subito un contributo a sostegno delle scuole paritarie cittadine. L'amministrazione firma la convenzione un giorno prima della mobilitazione annunciata per martedì 19 e mercoledì 20 maggio dalle scuole paritarie, che intendono sospendere le lezioni online per attirare l’attenzione del governo sulla grave condizione in cui versano.

Il sindaco Giacomo Ghilardi si schiera quindi al loro fianco e, concretamente, firma la convenzione con la quale vengono anticipate risorse agli istituti scolastici prima dell'approvazione del bilancio.

Il primo cittadino spiega: «Ho firmato la convenzione che permette di trasferire da subito, prima dell'approvazione del bilancio, alle 7 scuole paritarie cittadine un contributo pari al 50% dell'importo previsto per l'anno scolastico 2019-2020 che è complessivamente di 180.000 euro».

Prosegue Ghilardi: «È un accordo ponte, con l'impegno di ritornare al tavolo a settembre per definire un ulteriore contributo da stanziare per il prossimo triennio. L'atto firmato verrà ratificato dalla giunta giovedì e subito dopo potrà essere erogato il contributo».

Il sindaco aggiunge: «Nonostante la situazione di estrema difficoltà economica del Comune a causa del debito di bilancio di 5,5 milioni di euro che ci è stato lasciato dalle precedenti amministrazioni, sull'educazione e sulla formazione non intendo arretrare».

E continua: «Si tratta di un bene primario e di una risposta che voglio assicurare alle famiglie della nostra città a sostegno della libertà di scelta educativa, del diritto di apprendere senza discriminazione, della parità scolastica tra pubblica statale e pubblica paritaria, per non lasciare indietro nessuno».

In questi giorni sono state tante le voci delle associazioni, dei gestori, insegnanti e genitori che si sono sollevate a sostegno delle scuole paritarie, una realtà che in Italia conta 12.000 istituti, con 900.000 alunni e 180.000 dipendenti.

Nel mirino c’è il decreto "Cura Italia" che prevede finanziamenti per 1 miliardo e mezzo per la sanificazione e la messa in sicurezza degli edifici scolastici, esclusivamente statali.

Unica concessione, gli 80 milioni previsti per le scuole materne paritarie, a parziale copertura delle rette che le famiglie, travolte dalla crisi, non sono più in grado di pagare.

Al momento, però, è tutto in sospeso e, proprio per sottolineare la discriminazione cui sono fatte oggetto dal decreto del governo, le scuole paritarie hanno scelto di manifestare il proprio dissenso nelle stesse giornate in cui il parlamento sarà impegnato nella discussione e votazione della norma.

Che, se non sarà modificata, porterà, secondo le previsioni delle associazioni della scuola paritaria, alla chiusura di almeno il 30% degli istituti, con 300.000 alunni che si riverseranno sulla scuola statale.

Il sindaco Ghilardi prosegue: «Le scuole paritarie appartengono al sistema nazionale di istruzione, svolgono un servizio pubblico alla cittadinanza al pari delle statali e rappresentano un patrimonio culturale ed educativo per tutta la società».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine termina: «Dimenticare queste realtà significa mettere in discussione il principio costituzionale di libertà di educazione. La costituzione italiana afferma il diritto dei genitori di educare e istruire i propri figli in un sistema di offerte formative ed educative plurale come attuato in tutti i paesi europei. Ciò è frutto di una posizione ideologica che non si riesce a superare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Esibizione Frecce Tricolori in Lombardia: video e immagini esibizione lunedì 25 maggio

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

Torna su
MilanoToday è in caricamento