Cinisello BalsamoToday

"Io tifo positivo" all'Allende, le scuole primarie incontrano il campione Carossino

Lunedì 29 Febbraio al Palazzetto dello Sport Salvador Allende, si terrà la manifestazione "Gioco e Tifo", che coinvolgerà gli alunni di alcune scuole primarie di Cinisello Balsamo

Filippo Carossino, campione della Nazionale di Basket in carrozzina

Lunedì 29 Febbraio al Palazzetto dello Sport Salvador Allende, si terrà la manifestazione “Gioco e Tifo”, che coinvolgerà gli alunni di alcune scuole primarie di Cinisello Balsamo.

Dopo diversi anni di collaborazione, anche quest’ anno l'amministrazione comunale ha inserito tra i progetti educativi il percorso di Comunità Nuova Onlus, "Io Tifo Positivo".

Obiettivo del progetto: valorizzare lo sport come ambito sociale aggregativo e come strumento educativo e di crescita.

15 le classi partecipanti, oltre 300 bambini in tutto, provenienti dalle Scuole primarie Monte Ortigara, Parini e Villa.

Gli educatori, che possono vantare anni di esperienza all'interno delle scuole di tutta Italia, hanno invitato i bambini ad “allenare la mente”, cioè a sviluppare un pensiero critico sugli avvenimenti che li circondano; i bambini sono stati invitati, attraverso dei video e dei giochi, a riflettere sulle conseguenze della violenza e del mancato rispetto delle regole.

I ragionamenti dei bambini sono partiti dallo sport per poi aprire queste riflessioni alla vita di tutti i giorni. Sono stati invitati a partecipare ad un incontro, all'interno delle scuole, anche i genitori poiché il coinvolgimento degli adulti è parte fondante di questo progetto.

Martedì 1 Febbraio si concluderà il percorso: bambini e genitori verranno messi alla prova con giochi appositamente inventati, per dimostrare di aver compreso i valori fondamentali dello sport: lealtà, collaborazione, inclusione e rispetto delle regole.

Al termine della mattinata i bambini avranno l'occasione di incontrare e intervistare il campione della Nazionale di Basket in carrozzina, Filippo Carossino. Il giovanissimo cestista all'età di 13 anni ha subito un incidente che ha cambiato la sua vita. Filippo ha perso entrambe le gambe, ma con un'encomiabile prova di forza ha ritrovato e accresciuto, grazie al basket, il proprio amore per la vita.

Il Progetto è realizzato da Comunità Nuova con la collaborazione del Servizio Sport Comunale e grazie ai partner: Briantea 84, FC Internazionale, A.C. Milan, Cagliari calcio, Fondazione Candido Cannavò, Fondazione Carlo Enrico Giulini, Gazzetta dello Sport, Olimpia EA 7 Milano, sitting volley Missaglia , Consolato del Sudafrica.

Potrebbe interessarti

  • Come riconoscere l'allergia al nichel?

  • Buono, fresco, colorato: ecco dove mangiare dell'ottimo poke a Milano

  • Come pulire le porte di casa

  • Come difendersi dai ladri in casa in estate

I più letti della settimana

  • Trovato morto Stefano Marinoni, il 22enne di Baranzate scomparso dal 4 luglio: la tragedia

  • Paura per il ciclista 16enne Lorenzo Gobbo: infilzato da un legno, polmone perforato. Foto

  • Milano, una notte di fuoco in via Palmanova: furioso incendio nel centro commerciale. Foto

  • Sciopero nazionale dei trasporti in arrivo: a Milano a rischio metro, bus, tram, treni e taxi

  • Incidente in corso Genova Milano: ferite due ragazze di 18 e 19 anni, tram deviati in centro

  • Omicidio a Sesto: uomo in carrozzina uccide la moglie con il poggiapiedi della sedia a rotelle

Torna su
MilanoToday è in caricamento