Cinisello BalsamoToday

Up manifesta per un Pertini libero dalle censure: «Giù le mani dalla nostra biblioteca»

Nel pomeriggio di domenica 11 novembre si è svolta la manifestazione contro la censura e a favore della libertà di parola e pensiero organizzata da "UP - Unione Popolare", davanti al centro culturale il Pertini di Cinisello Balsamo

Uno dei momenti della manifestazione davanti al Pertini

Nel pomeriggio di domenica 11 novembre si è svolta la manifestazione contro la censura e a favore della libertà di parola e pensiero organizzata da "UP - Unione Popolare", davanti al centro culturale il Pertini di Cinisello Balsamo.

Questo il comunicato ufficiale redatto dopo il presidio che ha visto partecipare molte persone e anche alcuni esponenti di partiti (tra cui il PD e Cinisello Balsamo Civica che hanno aderito alla manifestazione): «Pomeriggio si è svolta la manifestazione a sostegno della cultura, organizzata in una settimana, ma nonostante ciò partecipata. Una manifestazione educata nei toni, nei contenuti, nelle letture, a sostegno della cultura libera da ingerenze politiche».

«Unione Popolare dice grazie a quanti ci hanno sostenuto con la loro presenza fisica; a quanti, non potendo partecipare fisicamente, ci hanno scritto manifestando solidarietà alla nostra iniziativa. Grazie anche a quanti si sono voluti prenotare per leggere, arrivando da casa con un libro in mano per sostenere il gruppo di lettura del giovedì, il cui percorso è stato sospeso dall'assessore alla cultura e identità perché non aderente al suo personale punto di vista».

manifestazione up-unione popolare:2-2

«Grazie anche a ogni singolo componente del gruppo Unione Popolare e un grazie a Enrico Ernst per l'impegno, la passione e il tempo che ha sempre dedicato alla nostra comunità, come coordinatore di un gruppo lettura, e per aver deciso di partecipare a questa manifestazione, che non era tanto diretta a trovare una soluzione logistica al gruppo "sfrattato" dal Pertini, quanto piuttosto a dire no all'ingerenza politica sul tipo di letture scelte dai cittadini».

«Una manifestazione diretta a porre l'attenzione non solo sui fatti accaduti al gruppo di Enrico Ernst o al corso d'italiano per stranieri, organizzato dall'associazione Nord-NordOvest, ma anche per dire giù le mani dal Pertini, che vogliamo sia accogliente e accessibile a tutti».

«Noi di Unione Popolare, chiediamo che ogni iniziativa, soprattutto quando arriva dal basso, sia curata e incentivata dall'amministrazione. Noi di Unione Popolare vogliamo un Pertini ricco di qualità e indirizzato verso un miglioramento continuo, libero da censure e aperto a ogni iniziativa dei cittadini. Unione Popolare è scesa oggi in piazza, tra i cittadini, con i cittadini, uniti nelle diversità, a dire che la cultura è e deve essere libera da ingerenze politiche, a dire che il Pertini è dei cittadini ed è inclusivo e aperto a tutti. Ancora grazie».

manifestazione up-unione popolare:3-2

A questo comunicato fanno eco le parole del capogruppo in consiglio comunale del PD Andrea Catania, presente al presidio: «Grazie a coloro che oggi pomeriggio (11 novembre per chi legge, ndr) hanno partecipato al presidio organizzato da Unione Popolare. Eravamo in tanti per affermare che il Pertini è la nostra piazza dei saperi e appartiene a tutti i cittadini. Caro sindaco, la cultura rende liberi e noi saremo lì a ricordatelo ogni giorno per i prossimi cinque anni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento