Cinisello BalsamoToday

PD e le liste civiche di centrosinistra: «Ignorato il ruolo delle associazioni del Terzo settore»

Il Partito Democratico della zona Nord-Est Milanese e le liste civiche di centrosinistra dei Comuni di Cinisello Balsamo, Bresso e Cusano Milanino hanno emesso un comunicato volto a parlare del terzo settore e dell'azienda "Insieme per il Sociale"

"Insieme per il Sociale" e il Terzo Settore al centro della polemica del centrosinistra

Il Partito Democratico della zona Nord-Est Milanese e le liste civiche di centrosinistra (tra cui "Cinisello Balsamo Civica") dei Comuni di Cinisello Balsamo, Bresso, Cormano e Cusano Milanino hanno emesso un comunicato volto a parlare del terzo settore e dell'azienda "Insieme per il Sociale", a loro modo di vedere «ignorato e volto a una deriva dirigista e non dialogante nei confronti del privato sociale» e denunciano «la mancata condivisione della lettura dei bisogni alla base della programmazione degli interventi sociali».

Qui di sotto riportiamo il comunicato congiunto nella sua versione integrale:

«In queste settimane nei nostri consigli comunali è andato in discussione il bilancio previsionale dell’azienda "Insieme per il Sociale", documento importante per la programmazione dei servizi sociali e per l’attuazione dei rapporti con il Terzo Settore all’interno del Piano di Zona».

«Alla luce del documento presentato e delle discussioni avvenute all’interno delle aule consiliari manifestiamo la nostra preoccupazione per l’evidenziarsi di una deriva dirigista e non dialogante nei confronti del privato sociale e la mancata condivisione della lettura dei bisogni alla base della programmazione degli interventi sociali».

«Come gruppi di minoranza dei Comuni dell’Ambito Nord Milano vogliamo ribadire che le attuali amministrazioni del centro destra:
1) Hanno ignorato il ruolo delle associazioni e degli enti del Terzo Settore che la legge 328/2000 assegna e mancano di valorizzare il contributo nella programmazione e progettazione dei servizi sociali non convocando da più di un anno le rappresentanze a tavoli tematici;
2) Non hanno permesso di accedere a finanziamenti specifici previsti dalla Regione per progetti di ambito innovativi per la realizzazione di un sovrambito (Sesto ha creato una propria Fondazione per la gestione dei servizi sociali)».

«Ci chiediamo se per le attuali amministrazioni il Terzo Settore rappresenti un interlocutore qualificato o non sia semplicemente percepito come soggetto gregario delle iniziative pubbliche o “sostituto funzionale dell’agire pubblico” dimenticando che la relazione e la collaborazione tra Ente Locale e Terzo Settore è volta al perseguimento dell’interesse generale della comunità e dà piena attuazione al principio di sussidiarietà sancito dall’articolo 118 della Costituzione».

«Crediamo che queste esperienze di collaborazione debbano essere rafforzate nell’interesse delle nostre comunità e diamo la nostra disponibilità ad un lavoro con le associazioni del nostro territorio con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio di partecipazione civile del Terzo Settore. E’ questo il cambiamento? E’ questo il dialogo con i cittadini?».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 91 e un camion per la raccolta rifiuti

  • Shirley, la baby sitter morta nello schianto tra un pullman Atm e un camion Amsa a Milano

  • Villaggio di Natale di San Siro, l'organizzazione ai clienti delusi: 'Le criticità verranno risolte'

  • Milano, rapinato il ristoratore dei vip: "Pistola contro per rubarmi soldi contanti e orologio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

Torna su
MilanoToday è in caricamento