Cinisello BalsamoToday

Scende l'Irpef, le opposizioni insorgono: "Prima saccheggiano le tasche dei cittadini, poi gli danno una piccola mancia"

I consiglieri di opposizione compatti attaccano sindaco e giunta: «Ma quale taglio delle tasse: in seguito all'approvazione dell'aliquota Irpef, nonostante le richieste della minoranza permane l'aumento dell'imposta introdotto nel 2014»

Per le opposizioni i conti sull'Irpef non tornano

«Ma quale taglio delle tasse: in seguito all’approvazione dell’aliquota Irpef nell’ultima seduta del consiglio comunale, nonostante le richieste della minoranza permane l’aumento dell’imposta introdotto nel 2014».

E' con queste parole che i consiglieri comunali di opposizione di Lega Nord, Cittadini Insieme, La tua Città, Ncd e Movimento 5 Stelle replicano al calo di mezzo punto dell'Irpef annunciato dall'amministrazione comunale di Cinisello e alle parole del sindaco Trezzi e del vice sindaco Ghezzi.

Proseguono le minoranze in un comunicato congiunto: «Con una operazione di furbizia fiscale che ricorda quelle tanto care al premier Renzi, il sindaco Trezzi spaccia per riduzione delle imposte comunali quello che invece è, e rimane per il portafoglio dei cittadini di Cinisello Balsamo, un aumento".

Si spiegano i consiglieri comunali di opposizione: "Infatti l’aliquota Irpef è stata elevata al massimo consentito dalla legge nel 2014, per cercare di coprire il buco di bilancio causato dall’incapacità degli attuali amministratori, e rimane tuttora superiore a quella che il sindaco ha ereditato dalla passata amministrazione".

E ancora: "Così facendo, Trezzi ha disatteso il patto con i cittadini che gli ha permesso di vincere le elezioni, quando promise che non avrebbe aumentato la leva fiscale, e ha ingannato quanti, credendo alle sue parole, le hanno espresso la loro preferenza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Come minoranza – concludono i consiglieri – abbiamo chiesto all'aula di riportare l’aliquota Irpef al livello antecedente il buco di bilancio, ma l’amministrazione, sorda a ogni richiesta in tal senso, ha preferito perseverare nel proprio interesse, anziché in quello dei cittadini. La giunta ha saccheggiato le loro tasche, ora crede di lavarsi la coscienza restituendo una mancia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Coronavirus, distanziamento al ristorante: in Lombardia regole diverse ed è polemica

  • Bollettino coronavirus Lombardia e Milano: solo 8 contagi a Milano, 620 positivi in meno in Lombardia

Torna su
MilanoToday è in caricamento