Cinisello BalsamoToday

Arrivano il "pasto sospeso" e il "sorriso solidale", pranzi e cure offerti per i bisognosi

Al momento sono tre i ristoranti nei quali il pasto potrà essere acquistato e donato dai cittadini: l’Osteria Barbagianni (via Mariani,11), la caffetteria Biblyou (piazza Confalonieri, Centro Culturale Pertini) e il ristorante Il Filo di Aurora (a Bresso)

L'entrata dell'osteria Barbagianni a Cinisello

Il progetto prende spunto da una delle tradizioni partenopee più conosciute, quella del caffè sospeso: si va in un bar, si beve una tazzina di caffè, ma se ne pagano due, e l'altra resta a disposizione di qualcuno che passa e non ha soldi per pagarsela.

Ora sta prendendo piede anche nel resto del Paese, ma in altri settori. L’idea arriva anche a Cinisello Balsamo con la formula del “pasto sospeso”.

Al momento sono tre i ristoranti nei quali il pasto potrà essere acquistato e donato dai cittadini: l’Osteria Barbagianni (via Mariani,11), la caffetteria Biblyou (piazza Confalonieri, Centro Culturale Pertini) e il ristorante Il Filo di Aurora che, nella propria sede di via Bologna 9 a Bresso, è stato il primo dei ristoranti del Nord Milano ad aver introdotto l’iniziativa.

Questa prima fase sperimentale avrà una durata di 6 mesi, in seguito potrà essere estesa nel tempo e con nuovi ristoratori.

Altra novità di rilievo è la nascita del progetto “Sorriso Solidale”, che offrirà gratuitamente alcune cure dentistiche presso il Poliambulatorio del Consorzio Il Sole (via XXV Aprile). Le cure saranno totalmente a carico del Consorzio.

Alcuni specialisti del centro metteranno gratuitamente a disposizione due mezze giornate al mese per estrazioni, cure della carie e visite di controllo.

Beneficiari delle due nuove iniziative sperimentali saranno i cittadini in difficoltà seguiti e segnalati dalle organizzazioni/enti facenti parte del Tavolo Povertà cittadino, realtà innovativa nata dalla collaborazione tra Amministrazione comunale (che ne cura il coordinamento) e 25 tra associazioni, enti cooperative, fondazioni che condividono azioni e programmi a contrasto delle nuove forme di povertà.

Grazie alla sottoscrizione di appositi protocolli d’intesa tra l’amministrazione comunale (in rappresentanza del Tavolo Povertà), ristoratori e Poliambulatorio Il Sole, già dal prossimo mese di maggio sarà possibile aiutare le prime famiglie segnalate.

«L’idea di fondo è quella di promuovere la coesione sociale e rafforzare i legami di prossimità e solidarietà, coinvolgendo i cittadini e sensibilizzandoli a “farsi carico e prendersi cura” dei più bisognosi. Il pasto sospeso permette non solo di offrire un aiuto concreto, ma anche occasioni di svago e momenti di aggregazione al di fuori dei tradizionali contesti di aiuto» ha dichiarato Gianfranca Duca, assessore alle politiche sociali.

Potrebbe interessarti

  • Come riconoscere l'allergia al nichel?

  • Perchè alcune persone vengono punte dalle zanzare e altre no?

  • Come difendersi dai ladri in casa in estate

  • Come lavare i cuscini del divano

I più letti della settimana

  • Paura per il ciclista 16enne Lorenzo Gobbo: infilzato da un legno, polmone perforato. Foto

  • Milano, una notte di fuoco in via Palmanova: furioso incendio nel centro commerciale. Foto

  • Sciopero nazionale dei trasporti in arrivo: a Milano a rischio metro, bus, tram, treni e taxi

  • Bimba ha un tumore al cuore: salvata a Milano con il primo intervento con gli ologrammi

  • Incidente in corso Genova Milano: ferite due ragazze di 18 e 19 anni, tram deviati in centro

  • Omicidio a Sesto: uomo in carrozzina uccide la moglie con il poggiapiedi della sedia a rotelle

Torna su
MilanoToday è in caricamento