Cinisello BalsamoToday

Pronto il regolamento per il decoro urbano per i negozi: vetrine pulite, di qualità e in ordine

Nella bozza del più ampio regolamento di polizia urbana che verrà approvato a Cinisello Balsamo a inizio 2020 è stata inserita una parte relativa al decoro urbano dedicata ai negozianti: le buone pratiche per tenere le vetrine "a norma di legge"

Via Garibaldi, una delle vie commerciali di Cinisello Balsamo

Le vetrine dei negozi di Cinisello Balsamo dovranno essere linde, pulite e ordinate per legge. Questa è l'estrema sintesi di quanto sarà presente all'interno del più ampio regolamento di polizia urbana. Chi non rispetterà il vademecum per il decoro urbano che riguarda quindi anche gli esercizi commerciali andrà in conto a delle sanzioni.

Ma veniamo al dettaglio di quanto riguarda le vetrine dei negozi: queste dovranno essere tenute in maniera decorosa e pulite, perché rappresentano anch'esse uno dei biglietti da visita della città.

Questa parte del nuovo regolamento di polizia urbana (per ora è una bozza, ma sarà approvato a inizio 2020) è stata inserita dopo le tante segnalazioni di alcuni commercianti che lamentano lo stato di degrado di molte insegne gestite dai colleghi che danneggiano l'immagine del commercio di vicinato e dei negozianti limitrofi.

Da qui l'esigenza di porre dei paletti e delle regole comuni per tutti i negozianti: le vetrine dovranno essere pulite, con le merci ben posizionate e non accumulate in scatoloni in stile magazzino (questo vale in particolar modo per molti negozi etnici che badano solitamente più alla quantità che alla qualità espositiva).

La giunta comunale con questo e altri provvedimenti vuole cercare di risollevare il commercio di vicinato del centro città, con particolare attenzione alle vie commerciali maggiori di Cinisello Balsamo (via Garibaldi, via Libertà e piazza Gramsci). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, il sindaco Beppe Sala ha deciso: "Scuole chiuse a Milano per una settimana"

Torna su
MilanoToday è in caricamento