Cinisello BalsamoToday

Riapre i battenti, dopo l'incendio di novembre, il centro cottura Cir Food in via Monfalcone

A meno di due mesi di distanza dall'incendio che ha gravemente danneggiato la struttura, il centro cottura cittadino gestito dalla Cir Food riaprirà i battenti e già da lunedì 7 gennaio potrà consegnare i pasti ai 3800 studenti

Dopo il terribile incendio di novembre torna operativo il centro cottura

Il nuovo anno comincia con una buona notizia per le famiglie cinisellesi: con l'inizio delle lezioni scolastiche tornerà a funzionare regolarmente il servizio di ristorazione presso la sede di via Monfalcone.

A meno di due mesi di distanza dall'incendio che ha gravemente danneggiato la struttura, il centro cottura cittadino gestito dalla Cir Food riaprirà i battenti e già da lunedì 7 gennaio potrà consegnare i pasti ai 3800 studenti.

Gli interventi di bonifica e ristrutturazione sono partiti lo scorso 16 novembre dopo le accurate verifiche strutturali di ingegneri strutturisti che hanno garantito la stabilità della struttura.

L'assessore all'istruzione Maria Gabriella Fumagalli spiega: «La possibile riapertura era stata annunciata lo scorso dicembre durante un sopralluogo effettuato e l'impegno è stato mantenuto. Voglio ringraziare la società per il lavoro di questi mesi, durante i quali il servizio è stato comunque sempre garantito».

Durante la prima settimana di servizio verrà proposto un menu transitorio per poi arrivare al regolare svolgimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Coronavirus, tre donne cinesi con la febbre visitate al Sacco. Salta il Capodanno cinese

  • Smog, livelli di pm10 ancora alti: blocco totale delle auto a Milano domenica 2 febbraio

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

  • Omicidio stradale, Michele Bravi chiede 1 anno e mezzo di reclusione come patteggiamento (pena sospesa)

Torna su
MilanoToday è in caricamento