Cinisello BalsamoToday

Degrado in Crocetta, è polemica tra il Comune e ilgiornale.it, Ruffa: «Articolo inventato»

Il Comune di Cinisello si muove per smentire un recente articolo comparso sulla versione digitale del quotidiano "ilgiornale.it" a firma Marta Proietti (19 agosto), che descrive "una situazione di degrado in zona Crocetta nei pressi del sottopasso pedonale". E' polemica

Il collage fotografico realizzato dal Comune di Cinisello per smentire l'articolo

Il Comune di Cinisello Balsamo si muove con decisione per smentire un recente articolo comparso sulla versione digitale del quotidiano "ilgiornale.it" a firma Marta Proietti (datato 19 agosto).

L'articolo in questione descrive «una situazione di degrado in zona Crocetta nei pressi del sottopasso pedonale".

Così dagli uffici comunali: «Gli agenti arrivati sul posto hanno immediatamente constatato e documentato con foto (pubblicate nel post del Comune su Facebook), che non esiste nessuna situazione di degrado dovuta a un “abbandono” di quell'area».

Proseguono dal Comune: «La foto pubblicata non è quella del sottopasso pedonale di Cinisello Balsamo, ma di un sottopasso di Monza, elemento non specificato nell'articolo e che sicuramente trae in inganno chi legge. Anche la descrizione del luogo come abbandonato al degrado non è veritiera e corrispondente alla realtà: il “tunnel” è illuminato, ogni giorno viene pulito e sono state installate due telecamere monitorate quotidianamente dalla centrale operativa della polizia locale di Cinisello Balsamo».

E ancora: «Le foto parlano chiaro, in realtà la redazione dopo aver ricevuto una nota ufficiale da parte dell'ufficio stampa del Comune ha modificato la foto di copertina dell'articolo».

Il Comune ci tiene a precisare: «Da mesi sono in corso interventi di derattizzazione e di sanificazione dei marciapiedi del quartiere e i murales citati dalla giornalista sono frutto del concorso UnderArt che ha coinvolto 12 writers professionisti. Presidenti della giuria Ivan e Tawa, due personaggi autorevoli nel campo della street-art che hanno realizzato nel sottopasso una loro opera. Questi interventi testimoniano l'attenzione da parte dell'amministrazione comunale a questa parte della città che non merita di certo l'appellativo di “periferia degradata”».

Poi l'accusa alla giornalista: «Si possono vivere certe situazioni, come percorrere una strada deserta, un sottopasso in metropolitana facendosi sopraffare dalle emozioni, ma il compito del giornalista è quello di raccontare i fatti; se la percezione del pericolo è un elemento personale la definizione di degrado deve, invece, essere supportata da elementi reali».

L'assessore Ivano Ruffa rincara poi la dose parlando dell'articolo in questione: «Tutto questo lascia intendere che lei (la giornalista, ndr) lo abbia effettivamente percorso e che si sia davvero sentita impaurita. La realtà è che si è inventata tutto. In quel sottopasso non c'è mai stata e le foto riportate dalla smentita ufficiale del Comune di Cinisello Balsamo documentano tutto questo».

Poi svela: «Ecco, allora decido di riportare la smentita del Comune sotto il post della "aspirante giornalista" sul suo profilo Facebook. Lei mi risponde cordialmente, non pubblica nessuna smentita del suo articolo e mi blocca impedendomi di scrivere qualsiasi altra cosa. Ecco, che dire, una professionista seria. Lei si chiama Marta Proietti. Diffidate da chi non sa fare il proprio mestiere seriamente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente in A4, travolto da un'auto mentre viaggia in bici in autostrada: morto un uomo

  • Milano, festino a base di cocaina, hashish e marijuana nell'hotel di lusso: arrestato 32enne

  • Milano, folle fuga col furgone: inseguimento, spari e auto della polizia e ghisa speronate

Torna su
MilanoToday è in caricamento