Cinisello BalsamoToday

M1, sopralluogo al cantiere Restellone, ripartiti i lavori del cantiere Sesto-Cinisello-Monza

Nella mattinata di giovedì 1 giugno, i sindaci e gli amministratori dei Comuni di Cinisello, Milano, Monza, Sesto San Giovanni e Città Metropolitana, con il Dg di MM e la società De Sanctis di Roma sono stati presso il cantiere per verificare l'avanzamento dei lavori

Il sindaco Siria Trezzi al cantiere con il primo cittadino meneghino Beppe Sala

Nella mattinata di giovedì 1 giugno, i sindaci e gli amministratori dei Comuni di Cinisello Balsamo, Milano, Monza, Sesto San Giovanni e Città Metropolitana, con il Dg di MM e la società De Sanctis di Roma, incaricata dei lavori, hanno fatto un sopralluogo presso il cantiere per verificare l'avanzamento dei lavori della M1 Sesto Fs-Cinisello Monza/Bettola ripresi il 29 maggio.

Il sindaco di Cinisello Balsamo, Siria Trezzi e il sindaco di Sesto San Giovanni, Monica Chittò, hanno manifestato la loro soddisfazione per la ripresa dei lavori sottolineando «l'importanza dell'opera che diverrà un'opportunità di riqualificazione delle aree interessate dal progetto, che hanno subito purtroppo, numerosi disagi». L'entrata in esercizio della nuova tratta metropolitana è fissata per fine 2019

Il sopralluogo presso il cantiere "Restellone" di Sesto San Giovanni è servito quindi per verificare l'avanzamento dei lavori: la realizzazione delle nuove tratte delle due linee metropolitane M1 e M5 lungo l’asse nord è strategica per il potenziamento delle infrastrutture di trasporto pubblico di Milano, Città metropolitana e Monza.

Per quanto riguarda la M1 Sesto FS-Cinisello Monza si tratta di realizzare 1,9 km, 2 stazioni, un parcheggio complessivo per auto da 2.500 posti.

Diventerà nodo di interscambio Cinisello Monza che metterà in connessione le linee M1 e M5 con la A4 Torino-Milano-Trieste, la A52 Tangenziale Nord Milano (Rho-Monza), la SS. 36 superstrada Valassina Milano-Monza-Lecco-Sondrio, un terminal di linee su gomma per la Brianza e il nord Milano, una bicistazione, un centro commerciale

L’entrata in esercizio della nuova tratta metropolitana è fissata per fine 2019. La realizzazione dell'"Hub metropolitano" è prevista dall'accordo di programma sottoscritto con operatori privati.

Secondo il cronoprogramma sono previsti 60 giorni per il progetto esecutivo, 750 giorni di lavoro, 60 giorni di pre-esercizio.

Per quanto riguarda le risorse economiche il costo dell'opera è di 140 milioni di euro e vi è stato un finanziamento di 23 milioni di euro approvati dal Cipe lo scorso 1 dicembre all’interno del Patto per la Lombardia con Regione e Governo a causa dell'innalzamento della falda acquifera.

Gli operai nei cinque cantieri stanno effettuando la pulizia e il ripristino dei cantieri, lo smaltimento dei materiali non più utilizzabili e l’asportazione dei vecchi macchinari abbandonati da imprese precedenti, il taglio della vegetazione, la recinzione e la messa in sicurezza (lavori in parte già eseguiti da MM) per evitare le occupazioni già avvenute in questi mesi, ripristino verde e sede stradale dell’area della stazione di servizio e la realizzazione dei rustici della stazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Coronavirus, tre donne cinesi con la febbre visitate al Sacco. Salta il Capodanno cinese

  • Smog, livelli di pm10 ancora alti: blocco totale delle auto a Milano domenica 2 febbraio

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

  • Omicidio stradale, Michele Bravi chiede 1 anno e mezzo di reclusione come patteggiamento (pena sospesa)

Torna su
MilanoToday è in caricamento