Cinisello BalsamoToday

Ghilardi e Gandini: «In barba ai divieti, piazza Gramsci diventa campo da calcetto notturno»

La denuncia di Lega Nord e Il Popolo della Libertà: «I muri della chiesa vengono utilizzati come porte e il sagrato come terreno di gioco. Il tutto fino a tarda notte. E queste abitudini continuano ininterrottamente tutte le notti da inizio estate»

Ghilardi e Gandini con il nuovo cartello, ironico, da sostituire all'originale

Piazza Gramsci fa sempre discutere, anche d'estate. L'ultima problematica, segnalata da diversi cittadini e portata alla ribalta dalle opposizioni, riguarda il mancato rispetto del regolamento comunale in materia di gioco del pallone.

Così il consigliere Giacomo Ghilardi della Lega Nord: «Cinisello Balsamo, la città dove tutto è concesso. Nonostante il regolamento comunale e i cartelli dicano tutt'altro, negli ultimi anni la piazza principale è stata trasformata in un campo da calcio».

Prosegue Ghilardi: «I muri della chiesa vengono utilizzati come porte e il sagrato come terreno di gioco. Il tutto fino a tarda notte (vedi video qui sotto, ndr)».

Nel mirino finisce il sindaco Trezzi: «Per il sindaco va bene così, per noi, oltre al rispetto per il luogo di culto e per i cittadini che durante le ore notturne riposano, ci vorrebbero interventi concreti e un controllo maggiore del territorio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A denunciare la situazione di inciviltà e di mancato rispetto delle regole è anche il consigliere comunale de Il Popolo della Libertà Stefano Gandini che ironizza: «Abbiamo presentato una proposta di modifica del cartello di piazza Gamsci (vedi nella foto qui sotto, ndr), più coerente con la realtà». 

Poi prosegue: «Magari alle 3.15 di notte si può avere anche il diritto di dormire, invece che sentire continui rimbalzi di pallone contro i muri della chiesa».

giacomo ghilardi stefano gandini cinisello-2

Poi attacca l'amministrazione comunale: «L'importante, come mi è stato risposto in consiglio comunale dai rappresentanti della giunta comunale, è che il cartello con il divieto di giocare a calcio in piazza Gramsci sia ben esposto (proprio sul palo della luce ripreso nella foto, ndr)».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiude Gandini: «E queste abitudini continuano ininterrottamente tutte le notti da inizio estate. Ringrazio anche a nome di tutti i residenti dell'attenzione dimostrata da questa amministrazione comunale per l'impegno profuso per garantire il rispetto delle comuni regole della civile convivenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Milano, paga 15 euro ed esce dall'Esselunga con 583 euro di spesa: "Sono sudcoreana"

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

  • Sangue sul Sempione, schianto auto moto: morto ragazzo di 20 anni, gravissima l'amica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento